Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha proseguito la mattinata in perdita: alle 11.28 l'indice dei valori guida SMI segnava 9092,12 punti, in flessione dello 0,18% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI arretrava dello 0,16% a 10'330,28 punti.

Dopo una seduta in calo ieri ma buone performance la scorsa settimana, il mercato sembra volersi concedere una pausa: ha raggiunto un livello che rende interessanti i realizzi di guadagno. Inoltre mancano impulsi significativi.

Suscita particolare attenzione UBS, che cedeva il 2,05%, il calo più consistente tra le blue chip. Il fondo sovrano del Singapore GIC ha annunciato ieri di essersi sbarazzato, in perdita, di circa la metà della sua partecipazione nel numero uno bancario elvetico, dove aveva investito all'inizio della crisi bancaria. UBS lunedì sera aveva indicato che GIC intendeva vendere 93 milioni di titoli, pari al 2,4% del capitale in azioni.

Il fondo ha precisato che la sua partecipazione è passata dal 5,1% al 2,7%. Pur esprimendo "delusione" per le perdite ha spiegato che la situazione è cambiata dall'entrata nel capitale della banca e che intendeva ormai investire altrove. Lunedì l'azione di UBS ha perso l'1,3% a 16,61 franchi. Stando a varie agenzie, GIC ha ceduto i titoli a 16,10 franchi.

Sulla scia di UBS, Credit Suisse ha perso lo 0,67% e Julius Bär l'1,08%. Gli assicuratori presentano un andamento contrastato con Zurich Insurance in crescita (+0,14%) e Swiss Re in calo (-0,39%).

Medesimo fenomeno anche fra i difensivi Nestlé (+0,43%), Novartis (-0,12%) e Roche (-0,26%). Accanto a Zurich e Nestlé, solo Swisscom è in verde (+0,18%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS