La Borsa svizzera si sta mantenendo in territorio negativo anche nel primo pomeriggio. Verso le 15.00 il listino principale SMI segnava 7'676.10 punti, in calo dello 0,84%. L'indice allargato SPI era a quota 7'253.87 (-0,70%). L'andamento nel pomeriggio dipenderà dai dati congiunturali sulla disoccupazione e dall'apertura di Wall Street.

Fra i titoli guida l'unico in crescita è Givaudan, che sale dell'1,46%. Fra i bancari, UBS scende dell'1,65%, Credit Suisse dell'1,27% e Julius Bär dello 0,80%. Male anche gli assicurativi con Swiss Re in calo del 2,55% e Zurich dello 0,73%.

Quanto ai pesi massimi difensivi, nessuno sostiene il mercato: Nestlé perde lo 0,56%, Novartis lo 0,74% e Roche lo 0,64%. Stamane il gruppo farmaceutico basilese ha annunciato l'acquisizione di Constitution Medical Investors (CMI), una società americana specializzata nei test ematologici.

Fra i titoli più sensibili alle oscillazioni della congiuntura, ABB scende dell'1,30%, Adecco dello 0,46%, Geberit dell'1,04%, mentre Holcim lascia sul terreno l'1,77%. Nel comparto del lusso, Richemont è in flessione dell'1,01%, Swatch Group dell'1,63%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.