Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, dopo un avvio incerto, si mantiene sotto la soglia della parità, con l'indice SMI dei titoli guida che a due ore dalla chiusura segna un calo dello 0,33% a 8'377,79 punti, mentre l'indice complessivo SPI scende dello 0,32% a quota 9'145,59.

Sui listini pesano soprattutto i bancari senza contare che sul finire della settimana gli investitori stanno procedendo a realizzi di guadagno. Sul piano internazionale questo pomeriggio è stato reso noto che nel 2016 l'economica americana è cresciuta in media dell'1,6%, in netto calo rispetto al 2,6% del 2015. Nell'ultimo trimestre dell'anno la crescita è stata dell'1,9%, al di sotto delle attese che erano di un +2,2%.

Sulla piazza zurighese al centro dell'attenzione degli investitori vi è UBS, che stamane ha annunciato per l'esercizio 2016 un utile netto di 3,3 miliardi di franchi, in calo del 47% rispetto all'anno precedente, quando aveva però beneficiato di fattori straordinari. La contrazione riguarda sia la gestione patrimoniale, sia l'investment banking.

La performance, realizzata in un contesto di mercato difficile e in un momento di incertezze geopolitiche, è migliore rispetto alle previsioni degli analisti: il titolo in borsa sta comunque perdendo terreno (-3,83%), trascinando con sé Credit Suisse (-3,15%) e Julius Bär (-2,74%).

Tra i pesi massimi difensivi il colosso dell'alimentare Nestlé, debole ieri, si sta riprendendo (+0,27%). Novartis flette dello 0,42% e Roche (-0,04%) cerca di rimanere aggrappata alla soglia della parità. Actelion, in procinto di essere rilevata da Johnson & Johnson per 30 miliardi di dollari, dopo il balzo di quasi il 20% messo a segno ieri rimane invariata.

Debole il segmento del lusso, in seguito alla pubblicazione ieri delle deludenti statistiche sulle esportazioni orologiere: Swatch cede l'1,01% e Richemont lo 0,84%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS