Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera sempre poco mossa

La Borsa svizzera fatica a trovare un orientamento preciso e si muove sempre molto vicino alla parità: alle 11.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 9328,38 punti, in progressione dello 0,09% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,04%.

La seduta si presenta sempre povera di impulsi. Tra le blue chip spicca Transocean (+1,71%): la società - proprietaria di Deepwater Horizon, la piattaforma di cui Bp aveva il lease responsabile della marea nera del 2010 - ha annunciato oggi che pagherà 211 milioni di dollari ad aziende e singoli individui che hanno chiesto danni per l'incidente, che aveva causato la morte di 11 persone.

Sul fronte interno gli occhi sono ancora puntati su UBS (+0,10%), dopo la conclusione lungamente attesa della vertenza negli Usa relativa alle manipolazioni di tassi di cambio e libor. I 545 milioni di dollari da pagare sono meno di quanto si potesse temere, ha commentato un operatore. Buono è anche l'andamento degli altri due bancari, Credit Suisse (+0,04%) e soprattutto Julius Bär (+1,46%).

In ordine sparso si presentano i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (+0,05%), Adecco (+0,33%), Holcim (-0,13%) - che ieri ha informato sulla soppressione di impieghi in Svizzera - e Geberit (+0,50%). Frenano il listino i pesi massimi Nestlé (-0,14%), Novartis (-0,10%), mentre Roche guadagna lo 0,36%.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.