Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera si conferma anche nel pomeriggio desiderosa di ritrovare sensazioni positive, dopo diverse sedute deboli: alle 15.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 8373,67 punti (+0,84% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,81% a 8286,84 punti.

Il mercato è sostenuto dall'indice Pmi dell'Eurozona e anche da un certo allentamento della tensione a Gaza. I futures sull'apertura di Wall Street sono invece leggermente negativi.

Alla luce di un quadro a tinte incerte, gli investitori vogliono andare con i piedi di piombo. Ecco spiegato, sul fronte interno, l'interesse che stanno suscitando i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,75%), Roche (+1,46%) - che ha annunciato un'acquisizione in Danimarca - e Novartis (+1,08%).

Rimangono volatili i titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (-0,05%), Adecco (-1,18%), Geberit (+1,19%) e Holcim (-0,14%). Non hanno un andamento unitario nemmeno i bancari UBS (-0,52%) e Credit Suisse (+0,20%). Nel comparto assicurativo Swiss Re (+0,85%) ha superato Zurich (+0,57%).

Nel mercato allargato si sono lievemente ridotti i guadagni di Bâloise (+3,98%), molto tonica nei primi scambi dopo che a sorpresa ha annunciato un aumento dell'utile semestrale. OC Oerlikon (+4,90%) ha pubblicato risultati in calo, ma in modo meno marcato di quanto temuto dagli analisti, e il valore è andato così crescendo con il passare delle ore. Hanno deluso per contro i conti di Belimo (-2,42%). SFS (-0,07%) ha comunicato di aver assunto il controllo di una società indiana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS