Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera si mantiene in territorio positivo in fine di mattinata con l'indice SMI dei titoli guida che segna un progresso dello 0,57% a 8'989,04 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,64% a quota 10'201,31.

In rialzo anche le principali borse europee, che sono in fase di recupero dopo le perdite di ieri. Sembrano quindi sopirsi i timori legati agli sviluppi politici negli Stati Uniti e al Russiagate.

Sulla piazza zurighese tutte le blue chip sono di segno positivo, ad eccezione di Adecco, che cede l'1,38%, e di Credit Suisse, che ha comunque ripreso vigore dopo un avvio di seduta in ribasso, riportandosi sulle quotazioni di ieri. UBS sale dell'1,08%, così come Julius Bär.

Tra i titoli a maggiore capitalizzazione il colosso dell'alimentare Nestlé allunga il passo dello 0,62%, mentre i farmaceutici Roche e Novartis fanno segnare progressi dello 0,64% e dello 0,19%. Molto tonica Sika, che fa un balzo in avanti dell'1,78%, imitata da LafargeHolcim (+1,67%). Tra gli assicurativi la performance migliore spetta a SwissLife (+1,60%), davanti a Zurich Insurance (+0,89%) e a Swiss Re (+0,52%).

Sul mercato allargato Aryzta, dopo la designazione ieri del nuovo CEO, allunga dell'1,52%. La Borsa svizzera ha reso noto stamane che il gruppo Richemont ha acquisito una partecipazione del 5% nello specialista del commercio esentasse Dufry, il cui titolo sta progredendo del 6,4%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS