Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Restano in territorio negativo i listini della Borsa svizzera: alle 15.20 l'SMI cede lo 0,83% a 9'174.85 punti, l'SPI lo 0,79% a 9'317.22 punti sulla scia delle incertezze sui tempi dell'aumento dei tassi d'interesse negli USA e sull'andamento congiunturale in Asia.

Tra le blue chip - sempre tutte negative eccetto Adecco (+0,64%) - particolarmente pesanti Swisscom (-2,27%), Julius Bär (-1,91%), Richemont (-1,58%), Transocean (-1,28%), LafargeHolcim (-1,24%) e Swiss Re (-1,10%). I pesi massimi difensivi Nestlé, Novartis e Roche perdono rispettivamente lo 0,81%, lo 0,96% e lo 0,26%.

Nell'indice allargato, tra le aziende che hanno pubblicato oggi i risultati semestrali, da segnalare in particolare Kudelski che cede l'8,91%, Sunrise il 6,51%, Orascom il 4,71%, Walter Meier il 3,29%, mentre Straumann sale del 2,65% e Orior del 2,08%. Agta, che rileva una concorrente olandese avanza del 2,31%, mentre Aryzta, che ha finalizzato l'acquisizione del 49% del distributore francese di prodotti surgelati Picard, scende dell'1,95%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS