Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partita in leggera crescita, già poco prima della 10.00 i listini alla Borsa svizzera hanno perso slancio, finendo sotto la parità, appesantiti dalle vendite sui titoli bancari e difensivi. Poco prima delle 11.30, l'indice SMI dei titoli guida scendeva dello 0,10% a 8206,54 punti. Sul mercato allargato, l'SPI cedeva lo 0,09% a 7789,43 punti.

La seconda banca elvetica ha registrato un utile netto di 454 milioni di franchi nel terzo trimestre di quest'anno, contro 254 nello stesso periodo del 2012. Il risultato è inferiore alle attese degli analisti. Gli esperti interrogati dall'agenzia Reuters avevano pronosticato un utile netto di 700 milioni. Anche gli altri bancari hanno risentito di queste controprestazione: UBS cede lo 0,79% e Julius Baer lo 0,25%.

Tra gli assicurativi Zurich avanza dello 0,57% e Swiss Re dello 0,19%. Tra i pesi massimi, Roche è in flessione dello 0,16%, Novartis dello 0,36%, mentre Nestlé è invariata.

Tra i ciclici si segnala ABB, che avanza del 3,28% dopo i trimestrali. Il gruppo elettrotecnico zurighese nel terzo trimestre ha realizzato un utile netto di 835 milioni di dollari, contro 759 milioni nello stesso periodo del 2012, con una progressione del 10%.

Nel mercato allargato Logitech avanza del 7,24%. L'utile netto della società vodese nel secondo trimestre dell'esercizio 2013/2014 ha raggiunto 14 milioni di dollari, contro 55 milioni nello stesso periodo dello scorso anno. Nonostante questa flessione, il risultato è migliore delle previsioni. Il risultato operativo (Ebit) è stato di 17 milioni di dollari contro 23,8 milioni nello stesso periodo dell'anno precedente, ha indicato il leader mondiale nelle periferiche per computer.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS