Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Una ripresa tecnica dei mercati dopo le forti vendite dei giorni scorsi, e dati congiunturali incoraggianti provenienti dagli Stati Uniti, hanno ridato fiato oggi alla Borsa svizzera. In chiusura, l'indice dei titoli guida SMI ha guadagnato l'1,25% a 6167,53 punti. Sul mercato allargato, l'SPI ha terminato in crescita dell'1,38% a 5441,23 punti.
Stando alla Reuters, molti investitori hanno approfittato del basso corso di alcuni titoli per lanciarsi negli acquisti. Nessuno ha però saputo dire se questa tendenza si manterrà. Per un operatore, la crisi finanziaria e i problemi tra le due Coree sono lungi dall'essere superati e potrebbero sfociare in altre ondate di vendite sui mercati.
Dopo l'emorragia delle scorse sedute dovute ai timori sulla tenuta dell'euro e sulla crisi greca, le banche sono in recupero. Credit Suisse è salito dell'1,14% a 44,44 franchi, Julius Baer dello 0,64% a 33,21 franchi e UBS dell'1,20% a 15,16 franchi.
Circa quest'ultima banca, da ieri sono in corso a Parigi, davanti al Tribunale del commercio, i dibattimenti riguardanti due denunce contro UBS inoltrate da vari investitori cui erano stati venduti prodotti finanziari messi a punto da Bernard Madoff, condannato negli Usa a 150 anni di carcere per aver architettato una truffa miliardaria.
Stando al legale dei denunciati, UBS avrebbe volutamente truffato sia l'organo di controllo sulla borsa francese sia gli investitori, mentendo sulle prospettive future degli investimenti in un fondo di Madoff, tanto che alla fine gli acquirenti hanno subito perdite che vanno da 10 mila a 6 milioni di euro. Ogni investitore truffato pretende ora 100'000 euro di risarcimento dalla banca.
Tra i titoli assicurativi, anch'essi sotto pressione nei giorni scorsi, ZFS ha chiuso in crescita dello 0,84% a 227,3 franchi, Swiss Life del 2,14% a 119,2 franchi e Swiss Re dello 0,13% a 45,32 franchi.
In recupero anche ABB (+1,43% a 19,11 franchi) e Holcim (+3,41% a 71,3 franchi), come anche Swatch (+6,23% a 301,7 franchi) e Richemont (+5,60% a 38,63 franchi).
Circa quest'ultimi due titoli, gli operatori hanno spiegato il forte rimbalzo con i buoni risultati per il 2009/10 messi a segno dal concorrente del lusso britannico Burberry. Oltre a ciò, il Ceo di Swatch Nick Hayek ha dichiarato che il 2010 si chiuderà con fatturato e utili da record. Richemont pubblicherà inoltre i risultati domani per l'esercizio 2009/10. Si attendono risultati superiori alle attese dopo il balzo di oggi.
Tra i pesi massimi, Roche ha guadagnato l'1,31% a 155,2 franchi, Novartis lo 0,59% a 51,05 franchi e Nestlé lo 0,69% a 51,15 franchi.
SGS è salita del 3,78% a 1399 franchi. Il Ceo Chris Kirk si attende un miglioramento degli affari nella seconda metà dell'anno, ha detto alla "Handelszeitung". Oltre a ciò, SGS gode di una valutazione positiva di Goldman Sachs.
Sul mercato allargato, Meyer Burger ha terminato in crescita del 6,9% a 24,7 franchi. Oggi l'azienda ha reso noto di aver siglato un contratto da 30 milioni di franchi in Asia. Il fabbricante svizzero fornirà macchine per il taglio di precisione destinate all'industria fotovoltaica.

SDA-ATS