Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È durata poco l'accelerazione dei listini borsistici provocata dall'inatteso taglio dei tassi allo 0,25% deciso dalla Banca centrale europea. E nemmeno i dati migliori del previsto sul Pil e sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti hanno avuto effetti positivi: gli investitori temono infatti che la Federal Reserve possa ora essere spinta ad anticipare il 'tapering', ossia il ridimensionamento degli stimoli monetari. A Zurigo l'indice SMI dei titoli guida ha chiuso le contrattazioni odierne in leggero rialzo dello 0,06% a 8'229.66 punti, dopo aver toccato punte di poco inferiori a quota 8'300. L'indice complessivo SPI si è attestato a 7'830.96 punti, in progresso dello 0,09%.

In forte progressione Swisscom, che oggi ha confermato la nomina di Urs Schaeppi alla guida del gruppo e annunciato utili trimestrali in calo del 6,1% a 1,27 miliardi di franchi su un giro d'affari in crescita dello 0,4% a 8,46 miliardi di franchi. In borsa il titolo ha guadagnato il 2,27% a 473,00 franchi.

In sensibile crescita anche Swiss Re (+1,94% a 81,45 franchi)), i cui risultati trimestrali - profitti per 1,07 miliardi -, seppur dimezzati rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, sono stati giudicati migliori delle attese.

Il balzo in avanti più marcato è spettato alla sempre volatile Transocean (+6,88% a 47,23 franchi) mentre tra i pesi massimi Nestlé è progredita dello 0,53%, a 66,20 franchi. Il gigante vodese dell'alimentare ha annunciato oggi la vendita delle attività in Nordamerica e Oceania di Jenny Craig, gruppo specializzato nell'offerta dietetica. L'acquirente è il fondo di investimento americano North Castle Partners. Non sono stati rivelati i dettagli finanziari dell'operazione.

Novartis, dopo aver recuperato terreno nel corso della giornata, ha chiuso in territorio negativo (-0,35% a 70,65 franchi). Giù anche Roche, che ha ceduto lo 0,56% a 250,80 franchi). Contrastati i bancari: UBS è scivolata a 16,70 franchi (-0,42%) e Credit Suisse è rimasta praticamente stabile a 26,94 franchi (-0,04%. Julius Bär è invece avanzata dello 0,94% a 43,10 franchi.

Tra i titoli più esposti ai cicli congiunturali ABB ha ceduto lo 0,26% (a 23,23 franchi) e Adecco ha guadagnato lo 0,66% (a 68,95 franchi). In discesa Holcim, arretrata dell'1,09% (a 68,25 franchi).

Sul mercato allargato Barry Callebaut ha fatto un balzo del 5,82% a un nuovo valore record di 1'000 franchi. Kuoni è progredita del 4,90% a 396,0 franchi. Entrambe le aziende hanno presentato oggi buoni risultati trimestrali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS