Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Andamento altalenante stamattina per la Borsa svizzera. Partiti al ribasso, gli indici hanno recuperato in seguito le perdite, prima di avvicinarsi ancora alla linea di demarcazione. Verso le 11.20, l'indice dei titoli guida SMI era pressoché invariato (+0,01% a 6551,05 punti). Ideam per il listino allargato SPI (+0,02% a 5660,34 punti).
Sotto osservazione oggi il titolo del gigante farmaceutico Roche, che arretra dell'1,88%. L'azienda ha accusato nel 2009 un calo dell'utile netto a 8,5 miliardi di franchi, dovuto in particolare all'integrazione della filiale americana Genentech. Il gruppo farmaceutico basilese ha generato invece un fatturato di 49,1 miliardi di franchi, in aumento dell'8%. Gli analisti interrogati dall'agenzia Reuters avevano pronosticato in media un utile netto di 8,79 miliardi di franchi e un giro d'affari di 49,18 miliardi.
L'azienda ha anche reso noto che il presidente del Cda Peter Brabeck non si ripresenta. Si ritira anche il professore Horst Teltschik. In loro sostituzione all'assemblea generale del 2 marzo saranno proposti William Burns e Arthur Levinson.
La concorrente Novartis, che ha presentato i conti la settimana scorsa, sta salendo dello 0,35%.
Andamento altalenate per i titoli bancari. UBS sale del 3,55%. Analisti spiegano questo trend con fattori tecnici, ma anche valutazioni positive espresse da JP Morgan. Il Credit Suisse avanza dello 0,75%, mentre Julius Baer arretra dell'1,90%.
Tra gli assicurativi, ZFS guadagna lo 0,43% e Swiss Life lo 0,21%. In perdita invece Swiss Re (-1,01%).
Il gigante dell'alimentare Nestlé (-0,29%) contribuisce ad appesantire i listini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS