Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera si muove in territorio positivo anche nel pomeriggio, ma i guadagni si sono assottigliati. Alle 15.00 circa il listino principale segna 6522,75 punti, in aumento dello 0,07%. L'indice allargato SPI è a quota 6025,96 (+0,09%).

I mercati sono sostenuti dalle dichiarazioni di Angela Merkel. La cancelliera tedesca ha rilevato che vi è unanimità tra i capi di Stato europei sulla necessità di fare di tutto per mantenere l'euro. Le parole della Merkel a supporto dell'azione della Bce "hanno rappresentato pura musica per l'euro", osserva Michael Hewson, analista senior di Cmc Markets.

Buona intonazione per i due giganti bancari: il Credit Suisse è in progressione del 2,95%, l'UBS dell'1,33%. Il comparto è favorito dalle speranze di un rapido intervento della Banca centrale europea a sostegno dell'euro. Lieve arretramento anche oggi per Julius Bär (-0,12%). I valori guida assicurativi sono in territorio positivo, con Zurich in crescita dello 0,44% e Swiss Re dello 0,16%.

Quanto ai titoli difensivi di peso, Nestlé sale dello 0,08%, Novartis perde lo 0,60% e Roche lo 0,57%. In crescita i titoli più legati ai cicli della congiuntura. ABB guadagna lo 0,06%, Adecco l'1,36%, Geberit lo 0,50% e Holcim lo 0,25%.

Nell'indice allargato Swiss Life, che stamane ha pubblicato un utile semestrale superiore alle attese, è in progresso del 3,38%. L'utile netto della compagnia assicurativa si è attestato a 361 milioni, mentre gli analisti interrogati dalla Reuters avevano pronosticato un risultato di 304 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS