Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Unione degli studenti universitari (USU), fautrice dell'iniziativa sulla borse di studio, non si lascia scoraggiare dal secco "no" scaturito oggi dalle urne. L'organizzazione considera infatti una vittoria l'aver inserito il tema nell'agenda politica.

Il fatto che il sistema della borse di studio debba essere rinnovato non è più combattuto, ha affermato oggi all'ats Maxime Mellina dell'USU. Anche se l'iniziativa non è riuscita, è stato possibile attirare l'attenzione su un sistema ingiusto.

Ora è compito dell'USU sensibilizzare su un processo di armonizzazione. L'obiettivo, secondo Mellina, è che i Cantoni aderiscano al concordato sulle borse di studio: "non possiamo accettare che alcuni studenti siano svantaggiati solo a causa del loro luogo di domicilio", ha detto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS