Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia bosniaca ha arrestato oggi, su un'ordinanza della Procura di Sarajevo, sei ex militari serbo-bosniaci sospettati di crimini di guerra perpetrati durante il conflitto in Bosnia del 1992-95. Lo ha reso noto l'agenzia di stampa Fena.

Cinque dei sei serbi - Branko Jolovic (59), Milomir Milosevic (55), Nenad Vukotic (53), Nikola Losic (51) e Dejan Milanovic (70) - sono stati arrestati in varie località nell'area di Vlasenica e Milici, 60 chilometri a nord-est di Sarajevo, mentre il sesto sospetto, Radomir Pantic (52) è stato arrestato nella capitale bosniaca, dopo aver assistito a un'udienza del processo a suo carico per aver partecipato al genocidio di Srebrenica.

I sei sono sospettati di aver preso parte a un attacco al villaggio di Zaklopaca, nel comune di Milici, il 16 maggio 1992, dove furono uccisi oltre 60 civili musulmani, fra i quali 11 bambini. Il giorno dopo il massacro, i cadaveri vennero raccolti e seppelliti in una fossa comune. Scoperta nel 2004, dalla fossa sono stati recuperati 54 corpi, mentre per le altre vittime le ricerche continuano.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS