Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oggi si vota per un controverso referendum nella Republika Srpska (Rs), entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina, fortemente voluto dal presidente della Rs Milorad Dodik nonostante l'Alta Corte bosniaca lo abbia dichiarato incostituzionale.

Con la consultazione il leader serbo-bosniaco - che non nasconde le sue mire separatiste e la sua ostilità verso uno stato bosniaco centralistico dominato da una Sarajevo a suo avviso sempre più islamizzata - intende istituzionalizzare la giornata del 9 gennaio come festa nazionale della Rs. Cosa questa giudicata illegittima dai giudici che vi vedono una violazione dei diritti di croati, bosniaci musulmani e altre persone non serbe residenti nella Rs.

Per questo nella Federazione croato-musulmana (Bh, l'altra entità della Bosnia-Erzegovina definita dagli accordi di Dayton che posero fine alla guerra del 1992-1995) e nel resto della comunità internazionale, ad eccezione della Russia, si teme che il referendum possa essere un primo passo verso la secessione dell'entità serbo-bosniaca. Un fatto che avrebbe conseguenze gravi sulla pace e l'ancora fragile stabilita' nei Balcani.

I serbo-bosniaci già festeggiano il 9 gennaio, ma il presidente Dodik, in modo provocatorio e di sfida, ha voluto col referendum confermare e istituzionalizzare tale ricorrenza come festa nazionale. In tale giorno si ricorda la decisione presa dai parlamentari serbo-bosniaci il 9 gennaio 1992 di proclamare unilateralmente la "Repubblica serba di Bosnia", un atto di secessione che porto' al sanguinoso conflitto armato in Bosnia.

I poco più di 1,2 milioni di elettori potranno votare fino alle 19:00, e i primi risultati significativi - anche se vi sono pochi dubbi sull'esito favorevole a Dodik - si avranno in tarda serata.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS