Navigation

BP: accordo per indennizzi marea nera, vola in borsa (+3,1%)

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2012 - 13:32
(Keystone-ATS)

BP ha raggiunto un accordo sui risarcimenti ai privati (soprattutto pescatori e proprietari della zona) per i danni causati dal disastro petrolifero avvenuto nel 2010 nel Golfo del Messico. La notizia dell'accordo ha fatto schizzare di oltre il 3% il titolo alla Borsa di Londra.

Alle migliaia di parti lese la compagnia petrolifera britannica riconoscerà 7,8 miliardi di dollari di indennizzi. Una cifra da cui sono esclusi invece i rimborsi richiesti dal Dipartimento americano della Giustizia e da altre agenzia federali. L'importo è decisamente inferiore alle previsioni: inizialmente si era parlato di rimborsi complessivi per circa 14 miliardi di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?