Navigation

BP torna nel Golfo del Messico

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2011 - 13:13
(Keystone-ATS)

BP torna nel Golfo del Messico: il colosso petrolifero responsabile della marea nera si prepara a riprendere le trivellazioni in acque profonde a un anno dall'esplosione a bordo della piattaforma Deepwater Horizon. Lo scrive il Sunday Times.

Il giornale britannico riporta che Bp ha fatto un accordo con le autorità americane impegnandosi a rispettare misure di sicurezza superiori a quelle imposte all'industria del greggio l'anno scorso dopo l'incidente. Le trivellazioni dovrebbero partire a luglio, ma a Bp non sarà permesso di creare nuovi pozzi di prospezione. I lavori saranno consentiti solo per mantenere e incrementare la produzione su piattaforme esistenti e si vedrà più avanti nell'anno, scrive il giornale, se dare luce verde a nuove esplorazioni.

Sia pure con queste limitazioni, l'accordo è considerato un successo per il nuovo amministratore delegato di Bp, l'americano Bob Dudley, che è riuscito a ricucire con l'amministrazione Obama quando sembrava che il marchio 'Beyond Petroleum' sarebbe stato messo per sempre al bando dalle acque del Golfo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?