Navigation

Brasile: allerta febbre dengue in tre Stati, la malattia si estende

In Brasile ci sono più di 57'000 casi sospetti di dengue, soprattutto negli stati di Acre, Mato Grosso do Sul e Paranà. KEYSTONE/AP Inter-American Commission Human Rights/CHRISTIAN BRAGA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 febbraio 2020 - 20:35
(Keystone-ATS)

Dall'inizio del 2020, i casi di dengue in Brasile hanno fatto un balzo, soprattutto nelle regioni meridionali e centro-occidentali del Paese. Tre Stati in particolare sono in allerta per la malattia, rende noto il telegiornale della Rede Globo, Jornal Nacional.

Secondo l'ultimo bollettino del ministero della Sanità di Brasilia, ci sono più di 57'000 casi sospetti di dengue nel gigante sudamericano dall'inizio dell'anno e nove decessi confermati.

Gli Stati con più di cento casi per centomila abitanti sono Acre, Mato Grosso do Sul e Paranà. Questi indici li mettono in allerta per la dengue, secondo la classificazione del ministero della Sanità.

I dati pubblicati ieri dalla segreteria alla Sanità di Paranà mostrano che la situazione è ancora più preoccupante, con 17'500 casi confermati dall'inizio del 2020 ad oggi e 13 morti.

"Il morbillo e la febbre gialla li preveniamo con i vaccini, ma per la dengue dobbiamo fermare o ridurre la proliferazione della zanzara, che è il vettore per la trasmissione del virus", ha affermato il segretario alla Salute di Paranà, Beto Preto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.