Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alle 8 del mattino (le 13 in Svizzera) si sono aperti in Brasile i seggi elettorali nei quali poco più di 147 milioni di cittadini sono chiamati oggi a votare nelle elezioni presidenziali più drammatiche del secolo XXI per il Paese sudamericano.

Oltre alla corsa per la presidenza, gli elettori brasiliani devono scegliere anche i governatori dei 27 Stati - compreso il Distretto Federale -, 513 deputati federali, 54 senatori e centinaia di legislatori nei Parlamenti di ogni entità federale.

La sfida presidenziale, però, è quella che ha concentrato l'attenzione di analisti e opinione pubblica, a causa dell'ascesa nei sondaggi di Jair Bolsonaro, l'ex militare di estrema destra che - se risultasse eletto - rappresenterebbe la fine di un ciclo di governo del Partito dei Lavoratori (Pt), apertosi nel 2002 con la prima vittoria nelle urne di Luiz Inacio Lula da Silva e concluso nell'agosto del 2016 con l'impeachment di Dilma Roussef.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS