Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La siccità che l'anno scorso ha colpito gravemente il Brasile ha avuto serie conseguenze sulla produzione di caffè, che ha segnato un calo del 5,7%, pari a 2,6 milioni di tonnellate, rispetto al 2014. Lo ha reso noto l'Istituto brasiliano di geografia e statistica.

In controtendenza, invece, la produzione agricola nel suo complesso, aumentata del 5,6%, grazie soprattutto alla coltivazione record di soia (+7,1%, pari a 97,5 milioni di tonnellate) e di mais (addirittura +14,5%, pari a 85,3 milioni di tonnellate).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS