Navigation

Brasile: chiazza petrolio, Delta Tankers citata in giudizio

Il governo brasiliano citerà in giudizio la società greca Delta Tankers, proprietaria della nave sospettata di essere responsabile della fuoriuscita del petrolio im settembre ha colpito le spiagge nel Nordest del Paese. KEYSTONE/EPA EFE/BRENDA ALCANTARA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2019 - 17:09
(Keystone-ATS)

Il governo brasiliano ha annunciato che citerà in giudizio la società greca Delta Tankers, proprietaria della nave Boubolina, sospettata di essere responsabile della fuoriuscita del petrolio che dall'inizio di settembre ha colpito le spiagge nel Nordest del Paese.

Secondo le autorità, il danno è ancora in fase di calcolo, ma potrebbe raggiungere miliardi di reais (centinaia di milioni di franchi).

L'indagine è condotta dalla polizia federale e dalla marina militare, secondo i quali la petroliera incriminata avrebbe caricato il greggio in Venezuela, aggirato la costa brasiliana e proseguito in una regione vicina a Singapore e alla Malesia, dove avrebbe effettuato un'operazione di trasferimento di barili "da barca a barca". La perdita si sarebbe verificata a fine luglio.

In una nota pubblicata sul suo sito, Delta Tankers ha reso noto di aver condotto un'indagine dalle sue telecamere e sensori, dove non sarebbero emerse prove di una perdita di petrolio durante il viaggio tra il Venezuela e la Malesia.

Se fosse dimostrata una sua responsabilità, la compagnia greca potrebbe rispondere per violazioni ambientali e danni ai commercianti locali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.