Navigation

Brasile: corruzione; cade uno principali oppositori governo

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2012 - 21:41
(Keystone-ATS)

Il senatore brasiliano Demostenes Torres, uno dei più ferrei oppositori al governo della presidente Dilma Rousseff, ha presentato le dimissioni dal suo partito, il conservatore 'Democratas', a seguito delle pesanti denunce di corruzione che lo vedono protagonista.

Il parlamentare è accusato di aver utilizzato il proprio mandato per favorire gli interessi di un lobbista arrestato dalla polizia per comandare uno schema milionario di gioco clandestino a Goias, Stato di provenienza e principale bacino elettorale di Torres.

La decisione del senatore precede di poco l'annuncio dell'apertura di un processo disciplinare da parte del suo partito. Torres adesso dovrà rispondere davanti al Consiglio di etica del Senato, che potrebbe condannarlo per "rottura del decoro parlamentare" e di conseguenza fargli perdere il diritto di ricandidarsi fino al 2027.

Torres era noto all'opinione pubblica come uno dei principali sostenitori della legge cosiddetta della 'Ficha limpà (Fedina pulita), che prevede l'ineleggibilità dei politici condannati dalla giustizia per corruzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?