Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte suprema brasiliana ha autorizzato l'avvio di un'inchiesta contro la presidente della Repubblica eletta, Dilma Rousseff, da maggio sospesa dalle funzioni perché sottoposta a procedura di impeachment.

Rousseff è accusata di avere provato a ostacolare le indagini a carico del suo predecessore, l'ex presidente-operaio Luiz Inacio Lula da Silva, in merito allo scandalo sui fondi neri Petrobras, nominandolo ministro della Casa civile lo scorso marzo.

Oltre a Dilma l'inchiesta riguarderà anche lo stesso Lula e due ex ministri.

Gli ex ministri indagati sono Aloizio Mercadante (Istruzione) e José Eduardo Cardozo (Giustizia), entrambi del Partito dei lavoratori (Pt, di sinistra) di Dilma e Lula.

Cardozo, nel frattempo nominato avvocato generale dello Stato, è tra l'altro responsabile per la difesa di Rousseff davanti al parlamento nel procedimento di impeachment della presidente.

Il via libera all'inchiesta è stato firmato dal giudice Teori Zavascki presso la Corte suprema.

Le indagini riguarderanno inoltre l'ex senatore Delcidio do Amaral, divenuto collaboratore di giustizia, e i giudici del Superiore tribunale di giustizia, Francisco Falcao e Marcelo Navarro Ribeiro Dantas.

Con l'avvio dell'inchiesta si apre la fase della raccolta di prove, dopo la quale il procuratore generale, Rodrigo Janot, dovrà decidere se denunciare formalmente gli indagati o invece archiviare il caso.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS