Navigation

Brasile: Dilma vieta parzialmente codice forestale

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2012 - 20:19
(Keystone-ATS)

La presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha vietato parti di testo del nuovo Codice forestale recentemente approvato dal Parlamento. In tutto, il capo di Stato ha abolito 12 articoli e fatto 35 modifiche di contenuto dove era previsto, a certe condizioni, il condono per i disboscatori.

L'intervento di Dilma è avvenuto nell'ultimo giorno utile per ratificare o respingere il progetto di legge, dopo un'intensa pressione popolare capeggiata soprattutto dalle organizzazioni ambientaliste.

Proprio ieri, Brasilia aveva ricevuto due milioni di firme - tra cui quella dell'ex ministro dell'Ambiente del governo Lula, Marina Silva - contrarie all'approvazione del Codice e raccolte dall'ong internazionale Avaaz. "La decisione del governo federale mira a impedire l'amnistia per chi ha deforestato e garantire che tutti rispettino l'obbligo di recupero ambientale", ha commentato il ministro dell'Ambiente, Izabella Teixeira.

Il testo modificato torna ora al Congresso, che per respingerlo dovrà votare a maggioranza assoluta in sessione plenaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?