Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Tribunale del lavoro di San Paolo, in Brasile, ha condannato la multinazionale Eternit a pagare un indennizzo pari a 120'000 euro alla vedova di un operaio, morto per un raro tumore provocato dall'esposizione all'amianto. Lo rende noto il quotidiano "O Globo".

Nell'aprile 2008, ad Aldo Vicentin venne diagnosticato un mesotelioma maligno. L'uomo, deceduto pochi mesi dopo, a 66 anni, aveva lavorato nella fabbrica Eternit di Osasco, nello Stato di San Paolo. Vicentin fu tra l'altro uno dei fondatori dell'Associazione esposti amianto (Aea) del Brasile e aiutò a localizzare molti ex colleghi già infermi.

Il Brasile è uno dei maggiori produttori, esportatori e utilizzatori di amianto al mondo. Ma non esiste ancora una legislazione uniforme su tutto il territorio che ne vieti l'uso indiscriminato. Attualmente, il suo utilizzo è proibito solo in alcuni Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS