Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata anti-mondiali di calcio in Brasile, dove sono previste manifestazioni in 50 città del Paese, a meno di un mese dal fischio d'inizio delle partite. Circa 5 mila manifestanti hanno già bloccato alcune strade di San Paolo, dove alle 15 locali (le 20 in Italia) è previsto un corteo per le vie del centro.

La galassia di sigle che compone il movimento di protesta contro le spese per i mondiali di calcio ha convocato sui social network manifestazioni in molte città con lo slogan: "Mondiali senza popolo, scendiamo di nuovo in strada!". Su Facebook è stata creata una pagina apposita per le manifestazioni di oggi ma le adesioni sono state piuttosto basse: meno di 5 mila. Alla manifestazione hanno aderito anche il movimento dei contadini senza terra (Mst) e dei lavoratori senza casa (Mtst).

Al corteo in programma a Rio de Janeiro hanno aderito anche i Black block e il movimento Anonymus, protagonisti nelle ultime manifestazioni di violenti scontri con le forze dell'ordine. La polizia militare sta già presidiando le zone sensibili di Rio. Le proteste contro i mondiali si sovrappongono ad una serie di scioperi in varie città del colosso sudamericano. A Rio hanno incrociato le braccia gli autisti del trasporto pubblico, a San Paolo gli insegnanti e a Recife gli agenti della polizia militare ed i vigili del fuoco.

SDA-ATS