Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, al centro di una inchiesta per presunta corruzione e prelevato ieri dalla polizia per andare a deporre, ha dato la propria disponibilità a candidarsi alle presidenziali del 2018.

"Mi offro come candidato, ho 70 anni ma ho ancora la voglia di un giovane di 30 e un corpo da atleta di 20. Quindi mi candido", ha detto Lula parlando ad una platea di sindacalisti del settore bancario a San Paolo.

"Se cercate qualcuno che animi la truppa, sono qui", ha aggiunto Lula, che si è anche definito "il miglior presidente della storia del Brasile e migliore presidente del mondo all'inizio del XXI secolo".

All'incontro erano presenti anche il presidente del Partito dei lavoratori, Rui Falcao, e il sindaco di San Paolo, Fernando Haddad. Lula, che ha infiammato la platea, ha anche duramente criticato i magistrati che ieri all'alba lo hanno mandato a prelevare a casa dalla polizia per portarlo a deporre.

"È stata un'offesa personale, al mio partito, alla democrazia e allo stato di diritto", ha detto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS