Gli ex presidenti del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva e Dilma Rousseff, sono stati rinviati a giudizio con l'accusa di aver integrato un'associazione a delinquere durante i loro governi.

La decisione - rendono noto i media locali - è stata presa dal giudice federale di Brasilia, Vallisney de Souza Oliveira, che ha accolto le denunce presentate a settembre del 2017 dall'allora procuratore generale, Rodrigo Janot.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.