Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagine simbolica d'archivio.

KEYSTONE/STEFFEN SCHMIDT

(sda-ats)

I suoi padroni credevano di averla persa nel 1982, pensavano fosse fuggita nel bosco dal giardino. Invece, dopo 34 anni l'hanno ritrovata nella soffitta della loro vecchia casa. Era vissuta fra vecchi mobili, mangiando le termiti che banchettavano con quelli.

La campionessa di sopravvivenza è Manuela: una tartaruga brasiliana della specie "a zampe rosse".

Il sito ambientalista Treehugger racconta che Manuela era sparita nel 1982 dalla casa della famiglia Almeida a Realengo, un sobborgo di Rio de Janeiro, quando erano in corso lavori di ristrutturazione. La famiglia aveva pensato che la tartaruga fosse uscita nella foresta passando da una porta lasciata aperta dai muratori.

Negli anni successivi i figli erano cresciuti ed erano andati a vivere altrove. Nella casa era rimasto solo il padre, Leonel, che aveva stipato la soffitta di mobili e televisori trovati per strada.

Il mese scorso Leonel è morto e i figli sono tornati nella casa per svuotarla. Leandro, uno di loro, stava portando fuori uno scatolone, quando un vicino gli ha chiesto se volesse buttare via anche la tartaruga che c'era dentro.

"In quel momento sono sbiancato, non potevo crederci", ha raccontato Leandro. Lui e i suoi fratelli pensano che la tartaruga sia sopravvissuta tutti questi anni nella soffitta mangiando le termiti, che prosperavano fra tanti mobili di legno abbandonati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS