Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente del Brasile Michel Temer in una conferenza stampa ha assicurato che non rinuncerà all'incarico, smentendo le accuse relative ad un suo via libera a pagamenti di tangenti a Eduardo Cunha. "Non mi dimetterò", ha detto in una breve dichiarazione.

"Non ho comprato il silenzio di nessuno", ha proseguito il capo dello Stato, precisando di "non aver niente da nascondere" e di "non aver bisogno di un incarico pubblico".

Temer ha inoltre chiesto "un'inchiesta veloce e approfondita" sul caso. "Le conversazioni" relative alle accuse contro il presidente "sono state registrate clandestinamente" e hanno fatto tornare nel paese "il fantasma di una crisi politica dalle dimensioni incalcolabili", ha aggiunto Temer.

Il presidente ha inoltre ricordato recenti dati economici sul Brasile che mettono in evidenza una ripresa del Paese, sul piano tra l'altro "dell'inflazione e dell'occupazione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS