Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In mezzo secolo il Brasile ha perso circa l'80% delle barriere coralline che possedeva lungo gli oltre 3 mila chilometri della sua costa, al nordest del paese, a causa dell'inquinamento e del riscaldamento globale, secondo i risultati di uno studio dell'Università di Pernambuco, diffusi oggi dai media locali.

Beatrice Padovani, coordinatrice dell'inchiesta scientifica, ha spiegato che la distruzione di questi ecosistemi sottomarini è stata causata "da fattori di origine terrestre, come l'inquinamento domestico, industriale ed agricola, così come l'aumento della sedimentazione scatenato dalla deforestazione della flora atlantica".

A questo si aggiunge, ha detto Padovani, che "fino agli anni '80 c'è stata molta estrazione di coralli sulle coste del paese" per la costruzione e la decorazione, "una rimozione portata a termine con il piccone o gli esplosivi".

Le barriere coralline soffrono anche dell'effetto dell'aumento della temperatura delle acque oceaniche, dovuto al riscaldamento globale, che porta a un incremento dei cicli di mortalità dei coralli, che formano parte di un habitat naturale nel quale vive una grande diversità di specie animali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS