Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sta facendo molto discutere il centro nazionale per richiedenti l'asilo di Bremgarten (AG), appena aperto e che prevede una serie di divieti negli spostamenti di chi vi alloggia. Ora interviene il direttore dell'Ufficio federale della migrazione (UFM), Mario Gattiker, a giustificare le limitazioni introdotte.

In interviste a diversi media, Gattiker rileva che soltanto le zone attorno alle scuole e quelle riservate all'attività sportiva sono vietate senza un preventivo permesso accordato dal comune. Biblioteche, piazze e chiese sono pienamente accessibili ai richiedenti l'asilo, precisa. Certa stampa si è fatta trarre in inganno, a suo parere, a causa di una errata planimetria allegata all'accordo tra l'UFM e il comune di Bremgarten.

Le restrizioni per gli impianti scolastici e sportivi sono valide dalle 07.00 alle 18.00 in settimana, ma gli ospiti del centro possono utilizzarli se il municipio ha dato il suo benestare. In tal modo, secondo Gattiker, si tiene conto delle preoccupazioni manifestate dalla popolazione locale. "Vogliamo evitare che molti richiedenti l'asilo si rechino in piscina nello stesso momento", aggiunge.

L'attività scolastica e ricreativa della popolazione deve avere la priorità. "Ci vogliono regole affinché la vita quotidiana tra richiedenti e abitanti si svolga in modo ordinato e possibilmente senza conflitti", dice ancora Gattiker. Si tratta di norme che rispettano i diritti fondamentali delle persone.

Il direttore dell'UFM tiene a rilevare che non è prevista alcuna sanzione per chi trasgredisce, a meno che l'ordine e la pubblica sicurezza non siano minacciati.

L'Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (OSAR) ha protestato contro i divieti imposti agli ospiti del centro e chiesto che venga tolta l'interdizione all'accesso dei luoghi pubblici, perché insostenibile dal punto di vista umanitario e giuridico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS