Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cinque ragazze tra i 15 e i 17 anni, studentesse di un istituto professionale di Brescia, si prostituivano per pochi soldi: fra i 20 e i 40 euro. Lo ha scoperto la polizia provinciale di Brescia. Un uomo di 45 anni è indagato per violenza.

Secondo quanto ricostruito, le minorenni avrebbero avuto rapporti sessuali anche a scuola, tanto da spingere il preside dell'istituto a far chiudere i bagni dove le giovani avevano rapporti, talvolta solo per ottenere una ricarica telefonica. Più in generale le adolescenti contattavano i clienti attraverso i social network e li incontravano nei parcheggi dei centri commerciali di città e provincia.

Una delle giovani ha ammesso i fatti, mentre quattro hanno negato ogni addebito. A far scattare l'indagine è stata la madre di una quindicenne che vedeva spesso la figlia tornare a casa la sera accompagnata da un adulto, un 45enne ora indagato per violenza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS