Navigation

Brexit: chiesta estensione fino al 31 gennaio 2020

Londra chiede a Bruxelles di concedere al Regno Unito un'estensione della Brexit fino al 31 gennaio 2020. KEYSTONE/AP/JESSICA TAYLOR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 - 12:45
(Keystone-ATS)

Nella lettera non firmata dal premier britannico Boris Johnson, uno dei tre testi inviati ieri sera al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, si chiede a Bruxelles di concedere al Regno Unito un'estensione della Brexit fino alle 23 del 31 gennaio 2020.

Il testo specifica che si riuscirà ad arrivare alla ratifica di un accordo prima di questa data "questo periodo potrebbe terminare in anticipo".

Intanto Michael Gove, il ministro britannico incaricato di coordinare l'intensificazione dei preparativi per portare il Paese fuori dall'Unione europea senza un accordo, ha confermato oggi a Sky News che la Gran Bretagna uscirà dall'Ue il 31 ottobre.

Rispondendo a chi gli chiedeva se può garantire la Brexit a fine mese, Gove ha risposto: "Sì, questa è la politica che abbiamo stabilito". E poi: "Abbiamo i mezzi e le capacità per farlo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.