Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il divorzio dall'Ue è una scelta "di libertà" per la Gran Bretagna, mentre restare nel club dei 28 significa dover assorbire nei prossimi anni fino a "tre milioni" di altri migranti.

È l'aspra replica rivolta oggi dal ministro della giustizia, l'euroscettico Michael Gove, al collega anti-Brexit George Osborne dopo il rapporto del dicastero del Tesoro secondo il quale Londra, rompendo i ponti con Bruxelles al referendum del 23 giugno, andrebbe incontro a un tracollo economico con potenziali perdite per 36 miliardi di sterline e l'impoverimento di milioni di famiglie.

Previsioni che Gove - confermando le profonde divisioni nel governo Tory - ha bollato come un espediente: "Ci trattano come bambini, agitando l'ombra dell'uomo nero per indurci alla paura e all'obbedienza", ha tuonato a una manifestazione di Vote Leave.

Non solo, secondo Gove, nel rapporto del Tesoro vi è "l'ammissione ufficiale" che da qui al 2030 nel regno ci saranno 3 milioni di stranieri in più. Dato accreditato in tono polemico oggi da tutta la stampa di destra (Sun, Mail, Telegraph).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS