Navigation

Brexit: Hogan, Jonhson cambierà rotta su periodo transizione

Il primo ministro britanico Boris Johnson KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2019 - 15:57
(Keystone-ATS)

Il primo ministro britannico Boris Johnson abbandonerà la sua promessa-impegno a non prolungare il periodo di transizione post Brexit per il Regno Unito dall'Unione europea oltre dicembre 2020. Ne è convinto il commissario europeo irlandese Phil Hogan.

"In passato, abbiamo visto il modo in cui il primo ministro prometteva di voler morire in un fossato piuttosto che accettare un rinvio della data per la Brexit", ha affermato il commissario a The Irish Times. "Non credo che Johnson morirà nella fossa per rispettare la scadenza per le future relazioni", ha aggiunto Hogan riferendosi alla necessità di negoziare i termini delle relazioni future entro un periodo di transizione.

La data della Brexit è attualmente fissata per il 31 gennaio. A partire da quella data si aprirà un periodo di transizione, programmato fino alla fine del 2020, durante il quale il Regno Unito rimarrà membro dell'Unione doganale e nel mercato interno senza però partecipare al processo decisionale dell'Ue.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.