Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si apre ufficialmente la campagna per il referendum sulla Brexit del 23 giugno. I due schieramenti pro e contro la permanenza della Gran Bretagna nell'Ue preparano le 'armi' per lo scontro finale anche se la 'guerra di parole' va avanti da settimane.

E la tensione sale fra i conservatori, divisi sul futuro del Paese in Europa. Il sindaco di Londra, Boris Johnson, e il ministro della Giustizia, Michael Gove, intervengono per stigmatizzare la scarsità di fondi pubblici che riceve l'Nhs, il servizio sanitario britannico, che, secondo i due sostenitori del 'no' all'Unione, può essere "salvato" uscendo dal 'club dei 28' e dirottando sulla spesa pubblica i miliardi che Londra versa come contributo a Bruxelles.

Dall'altro schieramento, invece, arriva il monito dell'ex cancelliere dello Scacchiere laburista Alistair Darling, secondo cui la Brexit costerebbe all'economia britannica 100 miliardi di sterline (circa 136,7 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS