Navigation

Brexit: Johnson non si dimetterà in caso Corte gli dia torto

Attivisti anti-Brexit attendono la decisione della Corte suprema a Londra. KEYSTONE/AP/FRANK AUGSTEIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2019 - 10:32
(Keystone-ATS)

Boris Johnson non vede motivi per dimettersi neppure in caso di verdetto a lui sfavorevole da parte della Corte Suprema, oggi, sulla contestata sospensione del Parlamento fino al 14 ottobre, nel pieno della crisi sulla Brexit.

"Vediamo cosa i giudici decideranno, ma, come ho già detto, credo che le ragioni" addotte dal governo per sospendere i lavori della Camere per un periodo prolungato restino "davvero molto buone", ha risposto il premier Tory interpellato al riguardo nelle scorse ore dai giornalisti britannici a New York, a margine dell'assemblea dell'Onu.

Johnson non ha inoltre escluso la possibilità di riproporre la proprogation con un nuovo atto, in forma giuridica diversa, a seconda delle motivazioni della Corte. E ha insistito che il Parlamento avrà "un sacco di tempo per valutare il deal" sulla Brexit che egli "spera di poter raggiungere" entro il Consiglio Europeo del 17-18 ottobre anche tornando a riunirsi il 14.

Il verdetto della Corte Suprema, atteso dalla Bbc come "storico", è previsto entro la mattinata odierna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.