Navigation

Brexit: Labour, porteremo Johnson in tribunale

L'opposizione britannica vuole portare il premier Boris Johnson in tribunale per le due lettere inviate all'UE su una proroga della Brexit. KEYSTONE/AP/JESSICA TAYLOR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 - 13:50
(Keystone-ATS)

L'opposizione britannica vuole portare il premier Boris Johnson in tribunale per le due lettere inviate all'UE su una proroga della Brexit: la prima non firmata per chiederla in base alla legge anti-no deal, la seconda per argomentare la contrarietà del governo.

I ministri ombra laburisti Keir Stramer e John McDonnell hanno bollato la manovra come "infantile" ed evocato un possibile "oltraggio alla corte" (oltre che al Parlamento) del premier Tory, che dinanzi a un giudice scozzese s'era impegnato a rispettare il Benn Act (la legge anti-no deal) senza minarne i fini.

Sulla stessa lunghezza d'onda Ian Blackford, capogruppo degli indipendentisti scozzesi dell'SNP a Westminster, secondo il quale l'invio di una lettera non firmata mina "la dignità dell'ufficio del primo ministro" e il comportamento di Johnson "sarà materia per i tribunali".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.