Navigation

Brexit: Ue, sta a Londra risolvere punti problematici

Per l'Ue spetta a Londra risolvere i problemi su Brexit KEYSTONE/AP/FRANCISCO SECO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2019 - 12:59
(Keystone-ATS)

"Ci sono alcuni punti problematici nella proposta britannica" sulla Brexit "che necessitano di ulteriore lavoro. Questo lavoro spetta al Regno Unito e non viceversa". Così la portavoce della Commissione europea Natasha Bertaud.

Il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker oggi sentirà al telefono il primo ministro irlandese Leo Varadkar per "ribadire l'unità e la solidarietà dell'Ue", mentre il capo negoziatore Ue, Michel Barnier aggiornerà gli ambasciatori dei 27 al Coreper.

La soluzione, è stato ribadito, "deve soddisfare tutti gli obiettivi del backstop: evitare una frontiera con barriere fisiche, preservare la cooperazione tra Nord e Sud e l'economia di tutta l'Isola, e proteggere il Mercato unico dell'Ue ed il posto dell'Irlanda al suo interno".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.