Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tre fratelli cinesi hanno bruciato viva la loro madre dopo che un presunto stregone ha detto loro che era un demone. Lo riferisce la stampa della provincia meridionale dell'Henan.

I tre fratelli si sono lasciati suggestionare da un uomo che si è auto proclamato "leggendario dottore subordinato all'imperatore di giada, regnante taoista del paradiso", chiamato per aiutare a risolvere i problemi di salute della donna.

Per questo motivo il sedicente stregone ha forzato i tre ragazzi a far bere alla loro madre molto alcool con sangue di maiali, pollo e cani, per far sì che la donna potesse sputare dal corpo il demone che la perseguitava. Ma la donna è caduta in coma etilico così i figli l'hanno picchiata con dei bastoni per tre ore e poi le hanno dato fuoco in un cimitero.

Alla scena hanno partecipato anche alcuni parenti che inneggiavano alla cacciata e all'uccisione del demone che possedeva la donna. Poche ore dopo, su segnalazione di alcune persone, la polizia ha arrestato il santone, suo fratello, i tre figli della donna e il cognato di questi, accusandoli di omicidio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS