Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La procura federale belga ha smentito che l'uomo arrestato oggi pomeriggio nell'operazione condotta a Schaerbeek sia Mohamed Abrini, uno dei super ricercati nell'ambito dell'inchiesta sugli attentati di Parigi e complice di Salah Abdeslam.

La notizia era stata diffusa poco fa da alcuni media online belgi.

Secondo le prime informazioni non confermate ufficialmente l'uomo sarebbe stato fermato dalla polizia a una fermata dell'autobus. Gli agenti gli avrebbero ordinato di togliersi la giacca, per verificare se avesse una cintura esplosiva.

A quel punto pare che si siano sentite due esplosioni, e poi sono stati esplosi dei colpi che hanno fermato l'uomo mentre tentava di scappare con sulle spalle uno zainetto. Sarebbe entrato in azione un robot degli artificieri per verificare probabilmente la pericolosità della situazione.

Gli abitanti della zona interessata dall'intervento delle forze speciali sono stati invitati a restare nelle loro abitazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS