Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BASILEA - Il Consiglio di Stato di Basilea Città è favorevole al diritto di voto agli stranieri in materia cantonale, ma non a quello di eleggibilità. L'esecutivo ha così risposto con un controprogetto a un'iniziativa popolare che propone invece di concedere entrambi i diritti, attivo e passivo.
Stando al progetto governativo presentato oggi, per potersi recare alle urne lo straniero dovrà essere residente almeno da dieci anni nella Confederazione e da cinque a Basilea Città. L'iniziativa, lanciata dalla sinistra, richiede invece solo cinque anni di domicilio nel cantone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS