Navigation

BS: il governo si sposta a destra

Stephanie Eymann (Partito liberale democratico) è la nuova esponente "borghese" del governo di Basilea Città che ha tolto la maggioranza allo schieramento rosso-verde. KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2020 - 18:25
(Keystone-ATS)

Lo schieramento rosso-verde perde la maggioranza nel governo cantonale di Basilea Città. Le tre poltrone ancora da assegnare al ballottaggio sono andate oggi, nell'ordine, a Stephanie Eymann (LPD), a Kaspar Sutter (PS) e a Esther Keller (Verdi-liberali).

Risultano invece estromessi il direttore uscente della giustizia Baschi Dürr (PLR) e Heidi Mück, la candidata scelta dall'Alleanza Verde per il ballottaggio.

Un mese fa erano stati confermati al primo turno la direttrice delle finanze Tanja Soland (PS), il responsabile della sanità Lukas Engelberger (PPD) e il capo del Dipartimento dell'educazione Conradin Cramer (LDP, i liberali democratici renani che non aderiscono al PLR).

Una "new entry" era invece rappresentata dal consigliere nazionale Beat Jans (PS), che ha deciso di lasciare il seggio di deputato a Berna e che oggi è stato inoltre eletto presidente del governo.

Le sette poltrone dell'esecutivo della città-cantone sono quindi così ripartite: 3 PS, 2 LPD, 1 Verde liberale e 1 PPD. Sono invece tagliati fuori i Verdi, la cui presidente uscente del governo, Elisabeth Ackerman, era arrivata soltanto settima al primo turno e si è quindi ritirata, come pure il PLR.

Stephanie Eymann, considerata una candidata "borghese" senza esperienze precedenti in politica, è la sorpresa di queste elezioni. In base ai risultati definitivi, la Eymann ha ottenuto 31'925 suffragi, superando i due attuali gran consiglieri Kaspar Sutter (PS), a sono andate 29'122 schede, e Esther Keller (Verdi liberali), con 28'710 schede.

Condividi questo articolo