Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I cittadini di Basilea Città hanno respinto oggi alle urne - con 10'524 voti contro 28'359 - un'iniziativa dell'Associazione traffico ambiente (ATA).

Bocciato, ma più di misura, anche il controprogetto presentato dal parlamento. La partecipazione al voto è stata del 37,99%.

L'ATA chiedeva la creazione di ciclopiste e marciapiedi senza interruzioni sulle strade di grande traffico, come pure di dare la precedenza ai trasporti pubblici ai semafori.

Il parlamento aveva elaborato un controprogetto, con misure più a corto termine e meno costose (5 milioni di franchi al posto dei 100 milioni dell'iniziativa), che prevedeva l'estensione in particolare delle tratte con il limite di velocità di 30 km/h dove le ciclopiste non sono necessarie.

I cittadini della città-cantone hanno invece detto "sì", con 22'263 voti contro 14'922, alla nuova legge sui taxi, contro cui il sindacato Unia ha già lanciato il referendum. La sinistra critica soprattutto la mancanza di un tetto massimo del numero di licenze per i tassisti e il fatto che non si sia tenuto conto della concorrenza rappresentata da Uber.

Terzo oggetto in votazione era una riforma costituzionale sull'organizzazione dei tribunali: il testo è stato accolto con 31'063 schede contro 5'597.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS