Navigation

Buco dell'ozono sull'Antartide, il più piccolo dagli anni 80

La comparsa annuale in Antartide del buco dell'ozono potrebbe essere una delle più piccole mai registrate dalla metà degli anni '80. KEYSTONE/EPA/FELIPE TRUEBA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2019 - 19:02
(Keystone-ATS)

La comparsa annuale in Antartide del buco dell'ozono potrebbe essere una delle più piccole mai registrate dalla metà degli anni '80. Lo rivelano in una nota gli scienziati del Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS).

A meno di un mese dall'inizio della stagione del buco dell'ozono, gli scienziati del CAMS hanno osservato come quest'anno il buco dell'ozono si stia riducendo ad una dimensione di circa la metà di quanto si registri in questo periodo dell'anno. Oltre ad essere molto più piccolo rispetto agli ultimi anni, il buco dell'ozono è anche "fuori centro" e "fuori asse".

Tipicamente il buco dell'ozono in Antartide comincia a formarsi ogni anno ad agosto, raggiungendo il massimo della sua dimensione ad ottobre, per poi chiudersi nuovamente a dicembre. Le previsioni indicano che, dopo aver raggiunto un minimo locale la scorsa settimana, il buco dell'ozono potrebbe ricominciare a crescere gradualmente, ma è improbabile che raggiungerà nuovamente l'ampiezza degli ultimi due o tre decenni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.