Navigation

Bulgaria: 2 ergastoli per attentato a turisti israeliani

Sono stati condannati all'ergastolo in Bulgaria i due imputati per l'attentato suicida di Burgas (Mar Nero), che otto anni fa uccise cinque turisti israeliani e il conducente di un autobus. L'azione è stata attribuita alla branca militare dell'Hezbollah libanese. KEYSTONE/AP Bulgarian Interior Ministry sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2020 - 11:43
(Keystone-ATS)

Sono stati condannati all'ergastolo in Bulgaria i due imputati per l'attentato suicida di Burgas (Mar Nero), che otto anni fa uccise cinque turisti israeliani e il conducente di un autobus. L'azione è stata attribuita alla branca militare dell'Hezbollah libanese.

I due ergastoli da parte del Tribunale speciale di Sofia per crimini di terrorismo sono stati inflitti in contumacia essendo i due imputati ancora latitanti. Ed è stata esclusa ogni possibilità di liberazione condizionale. Le sentenze possono essere impugnate in seconda istanza.

Il 18 luglio 2012, un autobus che trasportava turisti israeliani fu fatto saltare in aria nel parcheggio dell'aeroporto di Burgas, uccidendo il conducente dell'automezzo e cinque cittadini israeliani, nonché l'autore dell'attentato. Altre 40 persone rimasero ferite.

L'accusa ha individuato l'autore dell'attacco in Mohamed Hassan al-Husseini, con doppia cittadinanza - libanese e francese - che avrebbe agito in complicità con Meliad Farah e Hassan al-Haj Hassan. I due, condannati oggi all'ergastolo, sono latitanti e ancora ricercati. Le prove raccolte indicherebbero, secondo l'accusa, un collegamento degli attentatori con Hezbollah.

Il fatto avvenne al parcheggio degli arrivi dello scalo aereo, poco dopo lo sbarco dei turisti israeliani giunti con un volo charter da Tel Aviv. Il gruppo di vacanzieri doveva essere trasportato nel complesso balneare di Slancev Briag (Costa d'Oro), una trentina di km da Burgas. Subito dopo la salita a bordo dei turisti avvenne la potente esplosione che distrusse il bus.

Il tribunale ha condannato stamane Meliad Farah e Hassan al-Haj Hassan anche a un risarcimento ai feriti e ai parenti delle persone uccise per un valore di oltre 500 milioni di lev (circa 275 milioni di franchi).

Il procuratore Evghenia Shtarkelova ha commentato con i media che la sentenza corrisponde all'entità del crimine e che i due latitanti continuano a essere ricercati da Interpol.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.