Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante il passo falso nel secondo trimestre (-0,2% reale sui tre mesi precedenti) e le incertezze legate alle crisi internazionali, l'economia tedesca resta solida e la tendenza positiva anche grazie alla crescita del consumo interno. È quanto scrive Bundesbank nel suo rapporto mensile pubblicato oggi.

Sulla situazione attuale continua a pesare la crisi in Ucraina, che ha rallentato l'export verso quel Paese e la Russia, scrivono gli esperti della banca federale. "Dalla metà dell'anno le previsioni congiunturali per l'economia tedesca hanno risentito del moltiplicarsi di notizie negative in ambito internazionale".

Tuttavia, scrive Bundesbank, una diminuzione dello scambio commerciale con la Russia si era notata già dalla fine dell'anno precedente. La leggera flessione del secondo trimestre è inoltre seguita "a un livello alto (del pil del primo trimestre), che considerato insieme al consumo interno fondamentalmente in continua crescita non lascia pensare a una possibile inversione di tendenza congiunturale".

Le previsioni per il settore edile "restano favorevoli e l'inclinazione al consumo dei privati finora non è stata influenzata dai rischi congiunturali in aumento". Per quanto riguarda l'eurozona, "dopo la stasi del secondo trimestre, la crescita complessiva è tornata a mostrarsi, ma non raggiungerà i livelli previsti in più occasioni in primavera", si legge ancora.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS