Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rendere internet accessibile a un numero sempre maggiore di persone e nel contempo risolverne le sfide: sono gli obiettivi auspicati oggi dal consigliere federale Didier Burkhalter alla Conferenza mondiale sul cyberspazio (GCCS) 2015 apertasi all’Aia.

La GCCS (Global Conference on CyberSpace) è il principale evento dell'anno in questo settore ed è dedicata all'intero spettro dei temi informatici. Alla conferenza partecipano rappresentanti di alto rango di Stati, settore privato e società civile.

"Dobbiamo intensificare gli sforzi per colmare il divario digitale", ha dichiarato il ministro degli esteri elvetico, secondo il testo scritto del discorso diramato a Berna, alludendo al fossato esistente tra chi nel mondo ha accesso alle tecnologie dell'informazione e chi ne è escluso.

Burkhalter ha aggiunto che la Svizzera intende associarsi quale partner fondatore al "Global Forum on Cyber Expertise" che il governo olandese vuole lanciare con l'intenzione di potenziare le capacità in fatto di cybersicurezza, cybercriminalità, regolamentazione sull'uso dei dati ed e-sviluppo.

Il consigliere federale ha insistito sulla necessità di trovare una soluzione alle sfide poste da internet: uso del cyberspazio a fini criminali, di spionaggio e militari nonché protezione della sfera privata.

Per riuscire nell'intento - ha affermato - sarà indispensabile la cooperazione internazionale. A suo avviso, sarebbe giudizioso partire dal consenso raggiunto nel Gruppo di esperti governativi delle Nazioni Unite (UNGGE), che vuole la legge internazionale applicata al cyberspazio. Resta tuttavia da chiarire come mettere in atto concretamente le misure e coinvolgere nelle discussioni rappresentanti delle diverse regioni del mondo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS