Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter, in qualità di presidente di turno dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), aprirà domani a Baku, in Azerbaigian, la sessione estiva dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE. Della durata di cinque giorni, essa sarà dedicata al processo di riforma denominato "Helsinki+40".

Oltre a Burkhalter, che nel suo discorso presenterà anche la posizione della Confederazione sul progetto di riforma, la delegazione svizzera sarà composta dal consigliere nazionale Andreas Aebi (UDC/BE), dalla consigliera agli Stati Christine Egerszegi (PLR/AG) (rispettivamente presidente e vicepresidente della delegazione) e dalle consigliere nazionali Ida Glanzmann-Hunkeler (PPD/LU) e Margret Kiener Nellen (PS/BE), indica un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Complessivamente alla 23esima sessione parlamentare dell'OSCE parteciperanno oltre 300 parlamentari provenienti dai 57 Stati membri. In totale i temi all'ordine del giorno saranno 21; il primo luglio si terrà inoltre una discussione speciale sulla crisi ucraina.

Quanto al progetto di riforma "Helsinki+40", esso ha l'obiettivo di rafforzare le capacità di azione dell'organizzazione dal 2015, 40 anni dopo gli Accordi di Helsinki che portarono poi alla nascita dell'OSCE.

SDA-ATS